38ª STRATARANTO “TROFEO MARINA MILITARE – TROFEO COMUNE di TARANTO, 18 Maggio 2014

di Raffaella CAIOLO

QUELLI TRA GARE E RELAX…

Quando si parla dell’Atalas come di una grande famiglia, oltreché di un gruppo di appassionati runners, non si dice nulla di più vero della realtà.

Chiunque nutrisse ancora dei dubbi in merito, dovrà inevitablmente ricredersi e rassegnarsi a ciò, facendo tesoro di quanto accaduto nello scorso week end.

Per chi avesse necessità di ulteriori “prove”, l’invito è quello di dare un’occhiata alla galleria fotografica, cosicché da dipanare ogni sorta di incertezza sul punto.

L’Atalas si lascia alle spalle un fine settimana intenso, fatto di attese agonistiche e di emozioni e sensazioni proprie di un gruppo di “amici”. Una tre giorni in cui si sono alternati momenti di fatica fisica ad altrettanti momenti di autentica convivialità e divertimento: emozioni che val la pena vivere e delle quali, ormai, non  si può più fare a meno.

La serata del venerdì fa da preludio a ciò che sarà…

Lasciati alle spalle le fatiche lavorative della settimana, ecco che il tanto atteso momento di relax giunge gradito; forti di ciò ci si ritrova, non solo per discutere e scambiarsi idee su aspetti tecnici, ma anche e soprattutto per condividere un po’ di tempo assieme, nella maniera più leggera e spensierata.

Seppur in formazione rimaneggiata, l’Atalas si ritrova a fronteggiare un impegno gravoso, intenso ed a tratti difficile da portare a termine, ma nonostante ciò il team riesce! Tutto merito dell’amico Sam Cassista (l’atalassino girovago) che con maestria e determinazione accompagna i propri compagni nella difficile trasferta in quel di Carovigno (a buon intenditore…), riuscendo ad ottenere ancora una volta un risultato di indubbio valore (per i dettagli e le curiosità si attenda il rientro del caposquadra).

Passata indenne la faticosa trasferta del venerdì sera, la giornata del sabato che ci si appresta a vivere si prospetta ricca di eventi: l’appuntamento con la seconda tappa della manifestazione su pista “Stadion 192” e…. il compleanno del nostro Luigi “Max Biaggi” Roberti.

Sono certa che strapperò qualche sorriso… ma quando si sta in un gruppo come questo anche il compleanno di un compagno di squadra diviene un momento da vivere; poi se si pensa al “personaggio” Roberti… non serve aggiungere altro. Un connubio di goliardia, tenacia ed entusiasmo travolgenti.

Il cielo sicuramente non promette nulla di buono, del sole neanche l’ombra, ma in ogni caso si parte alla volta di Brindisi.

Il campo scuola “L. Montanile” di contrada Masseriola, si riempie pian piano di atleti di tutte le età che fremono. Le condizioni della pista sicuramente scoraggiano. La speranza è l’unica alleata.

Poco alla volta anche tutti gli atalassini si ritrovano, ma sui volti traspare lo sconforto. I dubbi salgono e la speranza che le condizioni atmosferiche possano migliorare si affievolisce inevitabilmente.

Non resta che attendere…

Un’attesa sicuramente non vana per quel che mi riguarda e questo grazie alle emozioni che ho potuto vivere grazie ai racconti del caro compagno di squadra Marco Politi. Un viaggio tra i ricordi del passato e le sensazioni vissute. L’amore per l’atletica, l’aria nostalgica di un tempo che fu; momenti in cui si faceva sport per divertirsi e stare insieme, crescere e maturare.

Difficilmente, caro Marco, dimenticherò l’emozione che in quegli attimi traspariva dai tuoi occhi nel ricordare e raccontare una parte della tua vita. Con profondo rispetto e riconoscenza ti rivolgo il mio grazie per avermi concesso il privilegio di rivivere quelle emozioni, gustarne ogni minima parte e condividerne l’importanza ed il valore che rivestono per te.

I racconti procedono, ma l’arrivo della pioggia rompe questo “viaggio” così ricco ed emozionante. L’attesa su ciò che accadrà dura poco: gare rinviate al 31 maggio.

La delusione è tanta, ma contro madre natura nulla può farsi. I primi tentennamenti sul da farsi ed ecco che la decisione: no gare, si party (più o meno….).

Avrebbe sicuramente voluto festeggiare con una gran bella prestazione, ma il nostro amico Luigi, con suo sommo rammarico, deve restare nei suoi “abiti civili” e decide per questo di godere della compagnia dei suoi compagni per onorare il suo traguardo dei … anni, per festeggiarsi.

Risate, sfottò a gogò…un bel momento tutto opportunamente documentato e sul quale non mi dilungherò. L’unica concessione che mi faccio è quella di evidenziare come anche fuori dal contesto agonistico l’Atalas c’è!

Tutt’altra storia domenica. Scongiurato il pericolo di pioggia e tempo incerto, ecco che complice un gran bel sole, si parte alla volta di Taranto. Finalmente si gareggia!

La città che ancora dorme, è pronta per accogliere i circa mille atleti iscritti alla consueta stracittadina, la cosiddetta “Strataranto”; gara di 10km organizzata dalla locale ASD Podistica Shopping Taranto, con la preziosa e solerte collaborazione della Marina Militare e valida come seconda tappa del “Trofeo Due Mari”, nonché dedicata alla memoria di Francesco Pignatelli, l’avvocato con la passione della corsa.

La piazza è sicuramente di indubbio valore ed anche i commenti lo sottolineano. Una gara molto amata dai podisti pugliesi e che anche quest’anno non delude le attese.

Una gara amata anche dal gruppo atalassino, presente con i suoi atleti Ippolito, Pignatelli, Rosato, Caiolo ed il nuovo acquisto Leo. Un esordio, il suo, che riempie di gioia ed emoziona non solo il diretto interessato, ma anche tutto il resto del gruppo.

Nonostante qualche piccola “incertezza” sull’itinerario da seguire per raggiungere il punto di ritrovo (no comment…), si arriva finalmente a destinazione: piazza Immacolata.

Le fasi e gli eventi che si susseguono sono, ormai, pura consuetudine. E così, espletate le formalità di rito, non resta altro da fare che attendere il via.

Un percorso decisamente affascinante che si snoda per le vie del centro cittadino e non, lambendo le immense strutture della Marina Militare, quasi a voler omaggiare uomini e donne che quotidianamente si spendono per il Paese.

La gara prende il via. Quel silenzio che ha caratterizzato qualche tempo prima la città, viene rotto da urla, grida di incitamento ed applausi; il serpentone di gente affolla tutto il percorso e fa da cornice ai valorosi podisti in gara. Certo, il caldo inizia ad essere un elemento poco amato, ma non curanti di ciò ci si lascia andare.

Intravedo nelle prime file il nostro Carlo “Jorge Lorenzo”, sempre più in forma, che ormai punta definitivamente ad appropriarsi del titolo tanto ambito di “llo rre” dell’Atalas, complice anche l’assenza dei suoi più diretti avversari.

La sua sarà una gara quasi perfetta, coronata da un ottimo 92esimo posto in classifica generale. Per noi, invece, poveri comuni mortali non resta altro da fare che stringere i denti e cercare di fare quanto è nelle nostre possibilità, con tenacia e perseveranza, chiudendo anche questa gara.

E così l’ordine di arrivo degli atleti atalassini sarà il seguente:

92° assoluto e 14° SM 45, Carlo Pignatelli    (00:39:56)

374° assoluta e 7° ASF, Caiolo Raffaella       (00:47:45)

471° assoluto e 49 SM 35, Rosato Ignazio      (00:50:23)

578° assoluto e 91° SM50, Ippolito Antonio   (00:54:12)

595° assoluto e 120° SM 40, Leo Carlo           (00:55:06)

Archiviata anche questa gara, non resta altro da fare che proiettarsi ai prossimi appuntamenti, prima però mi sia concesso di rivolgere un augurio speciale di pronta guarigione a Julia, Domenico, Daniela, Maria ed Antonio Tafuri.

A loro va l’incoraggiamento ed il supporto di tutta la squadra.

L’augurio, invece, che rivolgo a tutti è quello di migliorarsi sempre, di non avere mai paura, di dimostrare ciò che si è, avendo consapevolezza dei propri mezzi e delle proprie capacità. Di agire sempre e comunque per amore non solo di se stessi, ma dello sport nel suo significato più puro, cosicché un giorno anche noi potremo vivere l’emozione del raccontare, del trasmettere e del rivivere, con fierezza di ciò che è stato e con ulteriore curiosità di ciò che sarà.

Immancabilmente… CIAO DOMENICO!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.